Home / Europa con i bimbi / Danimarca / Copenaghen con bambini: 10 cose da fare

Copenaghen con bambini: 10 cose da fare

Copenaghen potrebbe essere definita la Svizzera della Scandinavia: una città ordinata, pulita, perfettamente organizzata dove le regole vengono rispettate e i bambini occupano un posto privilegiato.

vista dal nostro appartamento a Copenaghen

Basta salire su un autobus per accorgertene.
In tutti c’è un ampio spazio riservato alle mamme con carrozzine e passeggini, in quel punto i sedili sono apribili in modo che ci si possa sedere accanto al bambino.
I danesi non si siedono lì nemmeno se non c’è nessuno, lo abbiamo capito quando una mamma è salita e ci ha fulminato con lo sguardo perché noi ignari ci eravamo seduti dove era libero.
Ecco io mi sono trovata perfettamente a mio agio in questa città forse perché dentro sono una precisina, una che ama le regole e sogna di vivere in un posto dove la maggior parte delle persone (non dico tutti) è corretta e se tuo figlio dimentica l’I-pad su un autobus pieno di gente, il giorno dopo, te lo restituiscono come è successo a noi.
Poi però ad essere onesti c’è da dire che i danesi sono gentili ma distaccati, difficilmente troverete un addetto al pubblico che si prodighi in spiegazioni e indicazioni, sono di poche parole e questo a noi italiani ci spiazza un po’.
Sapete che sul treno c’era il divieto di chiacchierare oltre che quello di parlare al telefonino?

Ma torniamo al lato turistico della città, tante sono le cose che potrete fare in una vacanza o un weekend a Copenaghen con bambini, vediamole insieme.

  1. Cominciate da Nyhavn. Lungo la passeggiata pedonale che costeggia il canale avrete solo l’imbarazzo della scelta tra caffè, pub e locali che offrono dolci di ogni tipo, mi raccomando non mancate di assaggiare gli smorrebrod (fette di pane di segale imburrate e farcite con varie composizioni di salmone, gamberetti, carne, formaggi, salumi, uova e verdura). Nyhavn era il punto di ritrovo di marinai e scrittori tra cui anche Hans Christian Andersen e conserva ancora intatto il suo fascino grazie alle casette colorate, le navi e i ponti da cui osservare il loro passaggio, anche se oggi è davvero molto turistico. Ma in fin dei conti non ci trovo nulla di male, non sono di quelli che demonizzano tutto ciò che è turistico, l’unica cosa a cui fare attenzione sono i prezzi che, in alcuni locali sono un po’ alti, quindi controllate bene i menù esposti all’esterno.Nyhavn a CopenaghenNyhavn CopenaghenNyhavn Copenaghenbattelli a Nyhavn Copenaghen
  2. Un’esperienza divertente da fare con i bambini è la gita sui canali che parte sia da Nyhavn che da Gammel Strand (attenzione, solo partendo da qui è gratuita con la Copenaghen Card). Si tratta di un bel modo di vedere la città e da un punto di vista differente, purtroppo il forte vento di quel giorno ci ha fatto desistere dall’idea di imbarcarci. Notate dalle foto come siamo passati dal cielo grigio con pioggerellina leggera al cielo azzurro in pochi minuti grazie al vento!
    Potete effettuare le gite in barca con Canal Tours Copenaghen  (partenza da Nyhavn e Ved Stranden) oppure con Netto-Badene (partenza dalla Holmens Kirke e dal Nyhavn).
  3. In alternativa potete fare una lunga passeggiata e girare il centro a piedi seguendo il percorso della guida Lonely Planet come abbiamo fatto noi (in qualche punto abbiamo deviato, ma siamo comunque riusciti ad arrivare fino ai Giardini di Tivoli). Da Nyhavn andate verso Kongens Nytorv, la piazza più grande della città e fare un salto veloce ai Magasin, i grandi magazzini ospitati in un edificio storico del 1894.  Proseguite verso sud fino a raggiungere ed attraversare il canale per vedere il Christiansborg Slot sede del parlamento danese che si trova su una specie di isoletta, andando verso sud raggiungete e attraversate il Ponte di Marmo, prendete a destra fino alla via più antica di Copenaghen, Magstraedet che risale pensate al 1520 ed è ancora molto caratteristica. Andate ancora avanti verso sud per arrivare al cuore della capitale danese: Radhuspladsen con il bel palazzo del municipio Radhus. Da qui parte verso nord la via dello shopping denominata Stroget mentre verso sud troverete lo storico e famoso parco Tivoli. Ci vogliono circa 2 ore per fare tutta questa passeggiata e anche più, quindi tenetene conto se i vostri bimbi sono piccoli e potrebbero non reggere la stanchezza, i nostri come detto più volte sono grandi e abituati a camminare.
    Magasin du Nord a Copenaghen
    Magasin du Nord a Copenaghen
    Hojbro Plads a Copenaghen
    Hojbro Plads a Copenaghen
    Radhusplads con il Municipio di Copenaghen
    Radhusplads con il Municipio di Copenaghen
    il Municipio di Copenaghen
    il Municipio di Copenaghen
    Stroget via dello shopping di Copenaghen
    Stroget via dello shopping di Copenaghen
    via dello shopping di Copenaghen
    via dello shopping di Copenaghen

     

  4. La nostra lunga camminata terminava al Parco dei divertimenti Tivoli e secondo il mio modesto parere è un posto imperdibile per chi va a Copenaghen con bambini, ma anche senza, perché chiamarlo Luna Park è riduttivo, è molto di più… è un posto dove tradizione e modernità si incontrano mentre strizzano l’occhio a divertimento e cultura. Infatti, dovete sapere che, oltre alle attrazioni più o meno adrenaliniche, ci sono concerti di musica di vario genere, spettacoli, ristoranti e locali ospitati all’interno di bellissime e originali costruzioni perfettamente inserite tra giardini colmi di rose, laghetti e fontane. Il costo del biglietto tra ingresso e attrazioni non è certo economico, ma secondo me vale la pena visto quello che ha da offrire.The Dragon boats al parco Tivoli di Copenaghen
  5. Dopo aver visitato i Giardini di Tivoli vi consiglio di portare i vostri figli sul Pianeta Blu, l’acquario più grande del Nord Europa, il Den Blaa Planet. La struttura completamente circondata dall’acqua, rappresenta un vortice e contiene vasche anche molto grandi e scenografiche come l’Ocean Tank con 4 milioni di litri d’acqua. Si trova vicino a circa 7 km dal centro, vicino all’aeroporto, ma è facilmente raggiungibile con l’autobus, nel post tutte le informazioni utili su come arrivare, il costo e perché andare a visitarlo.  Due validi motivi sono anche un buon ristorante e un parco giochi con laghetto e giochi d’acqua all’interno dell’acquario.

    vasca grande acquario di Copenaghen

  6. Un altro posto dove avere incontri ravvicinati con gli animali più disparati, questa volta di terra, è lo Zoo di Copenaghen famoso per lo spazio dedicato agli orsi polari. Si tratta di una grande vasca che permette di osservare gli orsi sia da sopra che da sotto, passando anche attraverso un tunnel di vetro. Se volete saperne di più sulla nostra passeggiata tra i canguri e l’incontro con marmotte, foche, zebre, leoni e tanti altri, potete leggere il post dedicato allo Zoo di Copenaghen.
  7. Non potete lasciare Copenaghen senza aver visto la Sirenetta e aver fatto la foto di rito, armatevi di santa pazienza perché dovrete conquistarvelo quel posto vicino alla ragazza mezza donna  e mezza pesce che con la sua triste storia ci ha conquistato da bambini. La statua come avevo letto non ha in realtà nulla di speciale ma è quello che lei rappresenta secondo me ad attrarre i turisti, divenuta il simbolo di una città e l’icona di un sogno infranto forse ci attrae per questa sua vena di malinconia. Comunque non è semplicissimo arrivarci, bisogna prendere l’autobus 1A e poi camminare per qualche minuto, l’ultima parte è una bella passeggiata su Langelinie, un viale immerso nel verde ma che affaccia sull’acqua. Una volta arrivati alla fermata dell’autobus seguite le indicazioni per Den Lille Havfrue o The Little Mermaid. Non prendete la metropolitana perché dovreste camminare molto di più.
    La Sirenetta di Copenaghen
    La Sirenetta di Copenaghen
    La passeggiata per vedere la Sirenetta di Copenaghen
    La passeggiata per vedere la Sirenetta di Copenaghen

     

  8. da visitare il caratteristico quartiere dei canali Christinshavn, il quartiere dei canali che comprende al suo interno quello che nel 1971 divenne il libero stato di Christiania, una zona alternativa che ospitava la comunità hippy soggetta a leggi proprie e tollerata dal governo. Vi si accede da Prinsessegade.
  9. piacerà anche ai bambini vagare senza fretta per il mercato coperto di Torvehallerne dove gli stand non solo offrono squisitezze di tutti i tipi e tutti i generi ma sono proprio belli da guardare e molto caratteristici anche per come sono allestiti.
    Pesce, carne affumicata, pane, dolci, formaggi, frutta e naturalmente smorrebrod tra i più elaborati. Uno dei migliori posti dove mangiare a Copenaghen secondo noi!
  10. Un posto che non abbiamo visitato ma di cui mi hanno parlato bene è l’Experimentarium :
    una specie di museo della scienza interattivo dove si gioca e si sperimenta con un’area dedicata ai più piccoli (Kids’ Pavillon).

    Esterno del mercato coperto di Torvehallerne
    Esterno del mercato coperto di Torvehallerne
    formaggi al mercato coperto di Torvehallerne
    formaggi al mercato coperto di Torvehallerne
    pesce al mercato di Torvehallerne di Copenaghen
    pesce al mercato di Torvehallerne di Copenaghen

La guida che abbiamo usato noi per il nostro viaggio in Danimarca

Noi abbiamo acquistato la guida Lonely Planet sulla Danimarca e l’abbiamo trovata molto completa.
Vi trovate tutto quello che c’è da sapere sulle varie località e vi aiuterà a scegliere le cose da fare specialmente nella fase di organizzazione della vacanza. Tanti sono anche gli spunti per chi viaggia con i bambini, le mappe delle varie zone, perfino quelle dei quartieri di Copenaghen e tante informazioni pratiche per l’organizzazione del viaggio.
Ma se starete via solo un weekend e volete una guida che si limiti a Copenaghen potete scegliere tra la versione normale e quella pocket, che ovviamente costa meno.
Se volete acquistarne una potete farlo cliccando su questi link qui sotto e sarà anche un modo per sostenere il nostro blog perché questo link contiene un’affiliazione. Cos’è? Significa che entrando da qui, Amazon ci riconoscerà una piccola commissione e a voi non costa nulla perché il prezzo resta invariato:

Dove mangiare a Copenaghen con bambini

Una vera chicca che vi voglio assolutamente segnalare è il Paludan Bogcafé (qui date un’occhiata al menù) che si trova  in Fiolstraede 10-12, all’interno di un’affascinante libreria e a pochi passi dalla zona dello shopping. Mangiare circondati da scaffali pieni di libri è già un emozione a cui aggiungere ottimo cibo a buon prezzo. Il brunch è molto ricco e i bambini ci mangiano in due tranquillamente. Noi abbiamo preso 2 brunch + un piatto di aringhe per tutti e 4 e abbiamo speso 267 corone (circa 36 euro).
Oltre al mercato coperto di Torvehallerne che secondo me è uno dei migliori posti dove mangiare a Copenaghen, noi abbiamo sperimentato anche il Wagamama dentro al Tivoli: ramen, noodle, riso, insalate, zuppe e veramente tanta scelta di carne. I sapori sono particolari, ma a dirla tutta non poi così tanto perché si tratta comunque di una catena e ai miei figli piace molto. Il locale è spazioso e comodo, non dovete pagare il biglietto d’ingresso del Tivoli per entrare perché vi si accede anche da fuori.

Paludan Bogcafè di Copenaghen
Paludan Bogcafè di Copenaghen
paludan bogcafe
paludan bogcafe
brunch al Paludan Bodcafè
brunch al Paludan Bodcafè
smorrebrod al mercato coperto di Torvehallerne
noodles al Wagamama di Copenaghen
noodles al Wagamama di Copenaghen
cena al Wagamama di Copenaghen
cena al Wagamama di Copenaghen

Dove dormire a Copenaghen con bambini

La Danimarca è abbastanza cara per gli alloggi per 3/4 persone, specialmente in giugno che per loro è alta stagione perché sono appena finite le scuole ed è il periodo dell’anno con più ore di luce. Anche se ho iniziato ad organizzare il viaggio per tempo non riuscivo a trovare hotel a prezzi decenti, anche gli ostelli erano tutti sopra ai 200 euro a notte per 4 persone. Alla fine la soluzione più economica e pratica è stata l’appartamento. Vi permetterà anche di risparmiare sui pasti visto che i ristoranti sono abbastanza costosi e la colazione spesso non è inclusa nel costo della camera, facendo un po’ di spesa potrete farla in appartamento.

Noi abbiamo alloggiato in un carinissimo trilocale situato nel vivace quartiere di Norrebro. Questa zona la consiglio assolutamente per dormire perché è tranquilla, i condomini sono abitati da tante famiglie e coppie giovani, nella nostra palazzina c’era un giardino con parco giochi all’interno, una vera chicca. Nelle vicinanze ci sono anche alcune vie abbastanza abbastanza vivaci con locali e ristorantini alla moda.
L’unica avvertenza quando si prenota un appartamento in Danimarca è che per loro è normale dormire sui materassi messi a terra, noi ne avevamo uno di appoggio ai due letti che erano un po’ più piccoli dei nostri matrimoniali. Insomma loro si arrangiano parecchio quando viaggiano e ho notato che in molti appartamenti il 4° letto era un materasso a terra o un letto gonfiabile, quindi controllate bene tutti i letti e magari contattate l’Host per avere info prima di prenotare.

quartiere di Norrebro a Copenaghen
quartiere di Norrebro a Copenaghen

Sono molti i siti dove potete prenotare un appartamento: Airbnb, Wimdu, HomeAway, Booking, Homelidays solo per citarne qualcuno.
Altra accortezza verificate che ci siano vicino un supermercato e una fermata dell’autobus perché è il mezzo più veloce e più comodo per spostarsi visto che c’è poco traffico e la metropolitana non ha tante fermate, noi non l’abbiamo quasi mai usata. Vi permetterà di limitare i tratti a piedi, cosa non da poco con i bambini, in quanto, le fermate dell’autobus sono sempre molto vicine ai punti di interesse, mentre quelle della metro possono essere anche a 700/800 metri di distanza.
Per usare i mezzi pubblici potete usare il City Pass che è un abbonamento solo ai mezzi pubblici oppure la Copenaghen Card che oltre agli spostamenti (incluso quello dall’aeroporto)  include anche gli ingressi per 75 attrazioni come l’acquario, lo Zoo e il Tivoli. Se volete utilizzarla anche per il trasferimento dall’aeroporto potete acquistarla online a questo link oppure quando arrivate all’ufficio turistico e al Box Office del Tivoli.
Un ultimo consiglio per il volo tenete d’occhio le compagnie aeree lowcost (Easyjet, Ryanair, Vueling, Norwegian) per selezionare le date in cui ci sono offerte, si trovano anche in estate biglietti a 16 euro per Copenaghen. Noi siamo partiti con volo diretto Ryanair da Pescara pagando 30 euro a testa scegliendo la data migliore nel mese di giugno. Dovete mettere l’aeroporto di partenza e la destinazione, poi una data di massima, quando vi appare la tariffa se fate scorrere il calendario sulla striscia bianca potete vedere le tariffe nelle varie date in modo da trovare quella più conveniente, a volte a distanza di 2/3 giorni il prezzo varia moltissimo, lo sapevate?

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

The Demon ai giardini di Tivoli di Copenaghen

Giardini di Tivoli: il parco di divertimento di Copenaghen

Dopo avervi raccontato Legoland, proseguo con un altro luogo deputato al divertimento che è piaciuto …

Commenti

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...