Home / Montagna / Montagna d'estate / Cortina d’Ampezzo con bambini in bassa stagione

Cortina d’Ampezzo con bambini in bassa stagione

Dici Cortina d’Ampezzo e tutti pensano subito ai vip, agli eventi mondani, alle boutique, ai ristoranti da gourmet e agli hotel lussuosi.
Insomma una famiglia normale che ci va a fare a Cortina d’Ampezzo con bambini? Ve lo diciamo noi più avanti se continuate a leggere e vi diamo anche qualche consiglio sulle cose a cui fare attenzione se non volete uscire troppo fuori dal vostro budget.

Vista su Cortina d'Ampezzo

Siamo stati in molte località di montagna, tutte affascinanti ma, lasciatemelo dire, Cortina d’Ampezzo è diversa da tutte le altre e la sua fama se la merita senza se e senza ma.
Almeno quattro ragioni la eleggono regina delle Dolomiti: la bellezza dei paesaggi che la circondano, l’ampia scelta di passeggiate per camminatori e non, la variegata offerta di servizi e comodità come se fosse una grande città, il clima mite grazie al fatto che si trova in una conca protetta dalle intemperie.
Per me è una delle migliori mete per una vacanza con i bambini sia in estate che in inverno, ma potrebbe essere anche la meta ideale per un soggiorno breve da unire ad una gita a Venezia visto che è ben collegata con un pullman diretto e noi abbiamo preso i biglietti ad un prezzo strepitoso. Ma andiamo per ordine.

Cortina d'Ampezzo centro

Cortina d'Ampezzo negozi

Le escursioni a Cortina d’Ampezzo con bambini

Le passeggiate sono tante e in pochi giorni non potevamo farle tutte, abbiamo deciso di limitarci a quelle che potevano essere più coinvolgenti per i bambini, sia dal punto di vista del contatto con la natura, che da quello del divertimento vero e proprio.
Imperdibile se vi trovate a Cortina d’Ampezzo con bambini è la Malga Ra Stua con le ampie distese di prati verdi, le mucche, il fiume che accompagna la passeggiata e un ottimo ristorante non troppo costoso. Vi consiglio di andare anche solo per gustare una coppa panna e frutti di bosco o la tradizionale frittella con marmellata di mirtilli rossi (Fartaia Ampezzana). Fino alla prima domenica di settembre si sale con la navetta da Fiames (6 euro a testa), dopo la strada riapre alle automobili. Noi siamo andati con l’autobus urbano n°1 fino a Fiames, poi abbiamo preso la navetta ma siamo scesi a piedi.

Malga Ra Stua

Malga Ra Stua mucche

Fartaia ampezzana frittella con marmellata di mirtilli rossi

frutti di bosco con la panna

Un’escursione molto scenografica è il Museo a cielo aperto della Grande Guerra. I percorsi per visitare le trincee e le postazioni della prima guerra mondiale, partono dal Rifugio Scoiattoli, che si raggiunge in seggiovia, e si sviluppano proprio sotto alle  Cinque Torri. Ci sono tavole con descrizioni dettagliate e mappe dei percorsi, si può fare il giro più breve o quello completo. Dal punto di arrivo si può tornare al Rifugio Scoiattoli, continuare fino al Rifugio Cinque Torri oppure scendere a valle a piedi. Alla partenza della seggiovia siamo arrivati con il bus che fa Cortina – Pocol – Passo Falzarego.

Cinque Torri

Museo della Grande Guerra delle Cinque Torri 2

Museo della Grande Guerra delle Cinque Torri

Altre passeggiate adatte alle famiglie che ho percorso alcuni anni fa, sono quelle per raggiungere i Rifugi di Mietres e Dibona, purtroppo non ho fatto in tempo a portarci i miei figli, un motivo in più per tornare la prossima estate.
Se volete vedere un panorama pazzesco che lascerà grandi e bambini senza parole, potete prendere la funivia Freccia del Cielo fino all’ultima stazione. Tornando indietro fermatevi a Col Drusciè dove si trova un rifugio con un bel parco giochi, l’Osservatorio Astronomico Helmut Ullrich e due facili passeggiate alla scoperta del sistema solare con tanti cartelli da leggere durante il percorso. Il Sentiero dei Pianeti collega l’Osservatorio Astronomico con Pié Tofana mentre l’altro, il Sentiero dell’Universo, si sviluppa nel bosco attraverso i 10 pannelli esplicativi che illustrano stelle, nebulose e galassie. Inoltre l’Osservatorio organizza visite guidate di 90 minuti su prenotazione, un’esperienza unica da vivere a 1.780 metri d’altezza. Noi da lì abbiamo raggiunto il Lago di Ghedina, presto il racconto completo sul sito Babytrekking che ci ha suggerito la bellissima passeggiata.

Funivia Freccia del Cielo

Col Drusciè

Parco giochi Cold Drusciè
Da Cortina poi si possono fare gite nei dintorni in automobile o in autobus. Da vedere il lago di Misurina con la facile passeggiata circolare, bar e ristoranti. Da lì poi parte il bus per le Tre Cime di Lavaredo che arriva fino al piazzale di fronte al Rifugio Auronzo, punto di partenza per trekking in quota. Noi ci siamo stati qualche anno fa e abbiamo dormito in un piccolo hotel sul lago. Paolo invece, in uno dei suoi giri in autobus + bici pieghevole, ha dormito anche al Rifugio Auronzo ma questa è un’altra storia.

Lago di Misurina

Se avete tempo vi suggeriamo una gita a San Candido, Dobbiaco e lago di Braies, tutte le cose da fare in queste località le trovate nel nostro articolo Val Pusteria con bambini: San Candido, Dobbiaco, Sesto. Non vi consiglio invece di fare la ciclabile da Cortina fino a San Candido con i bambini perché l’ha fatta Paolo, mio marito, giudicandola troppo impegnativa per i più piccoli. Per i bimbi, appassionati delle due ruote, suggeriamo solo la parte della ciclabile che attraversa Cortina, ricavata sulla vecchia ferrovia.

Cose da fare a Cortina d’Ampezzo con bambini

Anche Cortina naturalmente ha il suo parco avventura, l’Adrenalinic Park e che percorsi ragazzi!
Veramente adrenalinico vista l’altezza da brivido di alcuni passaggi riservati ai più grandi, ma sempre senza paura, grazie all’elevato standard di sicurezza. Per fortuna ce ne sono per tutte le età e alcuni sono adatti anche ai piccoli. L’ambientazione è unica, in un fitto bosco con le montagne a fare da cornice e la pista da bob che lo attraversa. Costo: 20 euro a bambino per 2 ore e mezzo.
Si trova in località Ronco e si raggiunge in pochi minuti dal centro con l’autobus n°3 fino alla fermata Villa Oretta – Villa Marianna e poi si può scendere a piedi come abbiamo fatto noi passando per il sentiero che attraversa i campi da tennis e finisce allo stadio del ghiaccio.

Adrenalinic Park Cortina d'Ampezzo

Parco avventura Cortina d'Ampezzo con bambini

In estate proprio sul corso viene allestita una doppia parete da scalare, dove i bambini anche piccolissimi, possono provare l’ebrezza di questo sport, imbragati in tutta sicurezza e aiutati da istruttori esperti. Il costo del biglietto singolo è di 4 euro a salita.

Parete per arrampicare in centro a Cortina d'Ampezzo con bambini

Dal centro con l’autobus n° 4, o a piedi in salita dallo stadio del ghiaccio, si arriva a Guargnè dove c’è un parco giochi con vista montagne con pista per scivolare con i gommoni, gonfiabili, reti per saltare e tanti giochini per i più piccoli. Da segnalare che è piuttosto assolato quindi meglio andare in orari in cui non fa troppo caldo e ogni attività si paga separatamente, pattuite prima con i bimbi cosa vogliono fare. Per scivolare con i gommoni abbiamo pagato 3 euro a bambino per 30 minuti.

 

Gonfiabili al Parco Guargne

Parco giochi Guargne

Una delle attività più divertenti è senza dubbio andare a pattinare sul ghiaccio allo stadio olimpico, purtroppo ha chiuso il 29 agosto, un vero peccato vista tutta la gente che c’era nel primo fine settimana di settembre.
Per fortuna non era chiuso il parco giochi tutto in legno che si trova all’interno dello stadio, nell’area antistante la pista, con annesso bar e tavolini per i genitori. L’ingresso è gratuito tranne nella pista delle macchinine.
Vicino allo Stadio del ghiaccio si trova anche il Planetario Nicolò Cusano dove vengono proiettati filmati sul sistema solare, i buchi neri e un viaggio con la navetta spaziale per i più piccoli.

parco giochi dello stadio del ghiaccio di Cortina

Minigolf Cortina d'Ampezzo

Nella stessa zona si trova anche il Minigolf Helvetia con 18 buche, un piccolo bar e alcune panchine per i genitori. Costo: 6 euro a partita a bambino.

Da sapere che quest’anno dal 20 luglio al 1 settembre si poteva fare un giro con i bambini sul trenino delle Dolomiti scegliendo tra: Campo di Sotto (7 euro), parco giochi di Pierosà (4 euro) e centro storico (3 euro). Sicuramente lo ripeteranno la prossima estate.

Infine alcuni amici sono rimasti molto affascinati dalle dimostrazioni di volo di falconeria che si svolgono dal 1 giugno al 30 settembre a Vervei, sulla strada per le Dolomiti per il Passo Falzarego a 9 km dal centro di Cortina. Noi non siamo riusciti per questioni di tempo e per la difficoltà di raggiungere la località in autobus visto che non c’era una fermata vicino.

Panorama da Cortina D'Ampezzo

Consigli per contenere i costi a Cortina d’Ampezzo

Primo: a Cortina si va in autobus spendendo meno che in automobile.
Acquistando i biglietti sul sito di Flixbus abbiamo pagato 41 euro in 4 per il diretto Venezia-Cortina. Al ritorno lo abbiamo preso fino a Bologna e abbiamo speso 46 euro per 3 perché non c’erano 4 biglietti disponibili quindi il quarto lo abbiamo comprato sul sito del Cortina Express. L’autobus è lo stesso ma Flixbus fa offerte speciali ed ha una tariffa scontata per i piccoli gruppi. Per girare potete utilizzare gli autobus urbani acquistando i carnet da 12 biglietti al costo di 11 euro. Per alcune passeggiate è necessario utilizzare i bus extraurbani e non ci sono carnet per quelli. Se pensate di girare molto, economicamente vi conviene l’automobile, ma pensate che poi sarete impegnati a guidare e non potrete godervi il paesaggio. Poi con il bus niente stress per il parcheggio. Infine si può salire da una parte della montagna e scendere dall’altra vicino ad una diversa fermata, noi l’abbiamo fatto alle Cinque Torri.
Secondo: i ristoranti a Cortina sono piuttosto costosi e anche gli appartamenti in affitto. Secondo me la cosa più conveniente è dormire in un hotel prendendo la mezza pensione e poi arrangiarsi per il pranzo con panini fai da te o un piatto unico nei rifugi. In bassa stagione, ad esempio ai primi di settembre quando siamo stati noi, ci sono discreti hotel tre stelle a 60/70 euro a persona al giorno in mezza pensione e bambini a tariffe ridotte.
Tutti gli alloggi li trovate sul sito ufficiale del Consorzio di Promozione Turistica di Cortina D’Ampezzo.
Terzo: se volete limitare i costi evitate i bar del centro dove per una merenda seduti per 4 persone si spendono dai 25 ai 30 euro. Attenzione anche ai rifugi in bassa quota che ospitano ristoranti molto chic abbastanza costosi.
Quarto: Cortina è talmente bella che potete cogliere al volo le offerte e i prezzi vantaggiosi della bassa stagione, ci sono così tante cose da fare e da vedere che, anche in autunno, o in primavera, può essere un’idea per un weekend.
Quinto: portate i bambini bendati dentro alla Cooperativa, altrimenti vogliono comprare di tutto… scherzo.
Cos’è la Cooperativa? Scopritelo andando a Cortina, sarà una salvezza in caso di pioggia!

Montagne di Cortina

Vista su Cortina

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Ingresso Summer Park La Crusc in Val Badia

Summer Park La Crusc: il nuovo paradiso per famiglie in Val Badia

La seconda tappa del nostro viaggio alla ricerca di posti speciali dove portare i bambini …

Commenti

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...