Home / Abruzzo / Il lago di Sinizzo, le Grotte di Stiffe e dintorni

Il lago di Sinizzo, le Grotte di Stiffe e dintorni

Quest’anno abbiamo deciso di restare a casa ad agosto.
Se non sei costretto dalle ferie obbligate, non è certo il mese migliore per viaggiare visti i prezzi.
Come molti sanno, noi abitiamo nelle Marche e in famiglia abbiamo il più accanito sostenitore dell’Abruzzo. Così capita che amici e conoscenti ci chiedano consigli su dove andare con i bambini per una gita o un weekend vicino casa. Quale migliore occasione delle lunghe giornate estive per andare in esplorazione?

Come al solito, grazie alle amiche blogger scopriamo posti che non conoscevamo, o di cui avevamo soltanto sentito parlare.
Qualche giorno fa, siamo stati a curiosare in un laghetto balneabile che avevamo notato sulla bacheca Facebook di Mammamsterdam. Lei vive in Olanda, ma è un’abruzzese doc, che quando torna in Italia porta sempre i suoi ragazzi a spasso per l’Abruzzo.

Il lago di Sinizzo è un vero gioiello.
Di colore verde intenso, deriva da due sorgenti di acqua potabile ed è circondato da un fitto bosco. I rami degli alberi arrivano in alcuni punti a pelo d’acqua e vengono utilizzati dai ragazzi per tuffarsi. L’atmosfera è allegra e festosa, ma il posto non è poi così affollato come ci si aspetterebbe perché le famiglie si distribuiscono bene intorno al lago alla ricerca di un po’ di refrigerio dalla calura estiva. Ci sono una piattaforma in legno, un’area picnic ombreggiata con barbecue per grigliare la carne, un originale parco giochi a forma di nave, bagni chimici e un chiosco con bibite e panini.

Lago di Sinizzo

Lago di Sinizzo tuffi dagli alberi

Lago di Sinizzo ragazzi

Lago di Sinizzo

Informazioni pratiche per chi va al lago di Sinizzo

Come arrivare: prendere l’autostrada A24 e uscire a L’Aquila est poi seguire le indicazioni per San Demetrio né Vestini. Una volta giunti al paese si seguono le indicazioni per il lago di Sinizzo perché è vicinissimo. Il parcheggio costa 5 euro al giorno.

L’acqua è pulita ma abbastanza fredda, quindi non adatta ai bambini molto piccoli. La breve passeggiata intorno al lago si può fare anche con il passeggino. Il parco giochi vista lago è abbastanza assolato, indispensabili cappellino e crema solare.

parco giochi al lago di Sinizzo

altalena vista lago di Sinizzo

Le Grotte di Stiffe con bambini

Sempre a pochi chilometri da San Demetrio né Vestini si può fare un’altra bella esperienza con la famiglia. La meta principale della giornata, erano infatti le Grotte di Stiffe dove siamo stati insieme ad altre due blogger: Micaela di Le M Cronache e Donatella di Mamma dove mi porti? Abruzzo e dintorni. Lei abruzzese doc, ci ha deliziati con arrosticini e salsicce cotte in loco, nell’area adiacente alla biglietteria e al parcheggio dal quale parte la navetta per le grotte.

Grotte di Stiffe Bar

Grotte di Stiffe area picnic

Grotte di Stiffe barbecue ad uso comune

Grotte di Stiffe i nostri arrosticini in cottura

Una giornata positiva sotto tutti i punti di vista, non solo per la bellezza del posto, ma anche per l’allegra compagnia. I bimbi hanno giocato nel parco giochi che si trova di fronte ai tavolini e noi grandi ci siamo intrattenuti in chiacchiere all’ombra di un grande albero. In realtà due papà un po’ meno perché si sono dedicati alla cottura degli arrosticini sotto il sole. Ho scritto due perché l’esperto di vie traverse ha subito detto che lui a cucinare è una frana e ha intrattenuto le blogger con il suo umorismo inglese comodamente seduto all’ombra. Nella foto sotto potete vedere che bel posticino ci siamo trovati.

Grotte di Stiffe parco giochi

Grotte di Stiffe parco giochi

Grotte di Stiffe parco giochi

Ma, al di là della scampagnata per famiglie, vediamo perché le Grotte di Stiffe sono una meta imperdibile per una gita con i bambini.

La loro particolarità è che sono una “risorgenza” perché il fiume riemerge all’interno della cavità carsica dopo un tratto sotterraneo.  La visita dura circa un’ora ed è guidata, si cammina in fila indiana lungo dei percorsi facili e accessibili anche ai bambini. All’interno si possono ammirare stalattiti, stalagmiti, colonne e scenografiche cascate che arrivano fino a 20 metri d’altezza.

Se, come me, non vi ricordate mai la differenza tra stalattiti e stalagmiti, la guida ci ha spiegato che le prime sono quelle che si formano dall’alto verso il basso, mentre le seconde dal basso verso l’alto. Quando si incontrano formano una colonna. Semplice no? E vedendole dal vivo se lo ricorderanno anche i vostri bambini, così a scuola faranno un figurone con la maestra!

Le foto che seguono degli interni delle grotte non sono le mie, visto che è vietato fare fotografie all’interno, dopo aver chiesto l’autorizzazione le ho prese dalla pagina Facebook delle Grotte di Stiffe.

Sul sito ufficiale delle Grotte trovate il calendario delle attività per bambini e tutti gli eventi organizzati durante l’anno.

Grotte di Stiffe interni

Grotte di Stiffe stalattitti e stalagmiti

Grotte di Stiffe cascata

Informazioni pratiche per visitare le Grotte di Stiffe

E’ bene sapere che all’interno la temperatura è intorno ai 10° anche in estate, quindi bisogna attrezzarsi con pantaloni lunghi, felpe e giubbetti. Non servono le scarponcini da montagna, ma sono consigliate comunque scarpe comode. Il percorso non è adatto al passeggino, quindi bisogna meglio uno zaino porta bimbo per i più piccoli.

In estate sono aperte dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Non è necessaria la prenotazione, ma è meglio telefonare da novembre ad aprile perché non sempre è possibile la visita a causa delle condizioni meteorologiche.
Biglietti: adulti 10 euro – bambini dai 6 ai 14 anni 8,50 – fino a 6 anni non compiuti gratis.

E’ vietato fare fotografie e riprese all’interno, toccare le rocce con le mani, sporcare.
Le Grotte si trovano a San Demetrio ne’ Vestini e si raggiungono dall’uscita L’Aquila est dell’autostrada A24. Seguire le indicazioni per Pescara e Popoli, poi prendere la statale 17 direzione San Demetrio né Vestini.
Al bivio che indica a destra le grotte e a sinistra la biglietteria, seguire le indicazioni per quest’ultima infatti lì si lascia l’auto e si prende la navetta gratuita.
In quest’area potete tornare per pranzo dopo la visita come abbiamo fatto noi. Se non volete portarvi il cibo da casa c’è un bar molto fornito con panini, piatti di salumi e formaggi.

Cose da fare con i bambini nei dintorni

Se pensate di trascorrere un weekend in zona, vi consiglio di visitare anche Santo Stefano di Sessanio e la Rocca di Calascio che noi abbiamo già raccontato qui. In entrambe le località potete trovare facilmente una sistemazione per dormire. Non lontano da questa zona si trova anche il nuovo Parco Avventura di Fonte Cerreto dove siamo stati poche settimane fa e da lì si può prendere la funivia del Gran Sasso fino a  Campo Imperatore.

 

 

 

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Ca de Figo Spa

Una vacanza diversa: agriturismo Ca’ de Figo

Come quelli di una famosa pubblicità che piangevano appena tornati da una crociera, noi, anche …

Commenti

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...