Home / Eventi per famiglie / Mostre / Cosmos Discovery: la nuova mostra al Guido Reni district

Cosmos Discovery: la nuova mostra al Guido Reni district

Entrare e sentirsi al centro dell’universo, come se in quel momento iniziasse anche per noi il viaggio alla scoperta dello spazio.
Il 30 settembre ha aperto a Roma, Cosmos Discovery, una delle 5 mostre in programma al Guido Reni District.
Ieri, su invito degli organizzatori ho visitato quelle che mi sembravano più adatte ai bambini, visto che mi trovavo a Roma per un appuntamento con il mio editore… vi svelo in anteprima che c’è un nuovo libro in arrivo su un’isola italiana, chi indovina qual è?

Samantha Cristoforetti la prima donna italiana nello spazio

Io sono appassionato di esplorazioni ma non del cosmo, come la mitica Samantha Cristoforetti, nonostante ciò, ho passato più di due ore all’interno di questa esposizione che, con oltre 220 cimeli e riproduzioni in scala 1:1 di progetti della Nasa e delle altre agenzie internazionali, ripercorre la storia dei viaggi spaziali condotti da Usa e Urss con dovizia di particolari.

La mostra, giustamente, si apre con un omaggio agli scrittori di fantascienza che per primi hanno sognato i viaggi intergalattici e poi subito si parte con la storia della conquista dello spazio.
Il volto sorridente di Yuri Gagarin, il primo uomo della storia a completare un volo spaziale effettuando un’orbita intorno alla terra il 12 aprile del 1961, vi accoglierà all’ingresso.

Gagarin alla mostra Cosmos Discovery

Dal programma spaziale sovietico Soyuz si passa a quello statunitense dell’Apollo con l’esposizione di razzi, capsule, navicelle, oltre che del rover che servì per esplorare la superficie lunare messo a confronto con quello sovietico Lunokhod.

Oltre ai reperti e le ricostruzioni, i pannelli, le foto e l’audio-guida gratuita permettono tutta una serie di approfondimenti sulla grande avventura dell’epopea spaziale e aiutano anche i bambini a capire meglio quella che è stata la storia dei viaggi nello spazio.

rover lunare alla mostra Cosmos Discovery

capsula spaziale alla mostra Cosmos Discovery

capsula spaziale mostra Cosmos Discovery

una sala della mostra Cosmos Discovery

I più piccoli saranno sicuramente incuriositi dagli oggetti di uso quotidiano e personali degli astronauti, oltre che dalle tantissime tute spaziali che tutti almeno una volta abbiamo sognato di indossare.

tuta spaziale alla mostra Cosmos Discovery

particolare della tuta dell'ex Urss alla mo

Il percorso espositivo è preceduto da una sala con un bel video (in inglese) sulla storia delle conquiste spaziali dell’umanità e termina invece con la zona interattiva del Cosmo Camp.
Qui i visitatori possono salire sul giroscopio umano che simula le accelerazioni G negative dei moduli spaziali.
Io che non salgo nemmeno sulle montagne russe con i miei figli, ci sono salito secondo voi?

giroscopio umano alla mostra Cosmos Discovery

Una vera chicca la tazza che ricorda la missione dell’Apollo 13, quella che tutti ricordiamo per la famosa frase “Houston, abbiamo un problema”.

Avete visto il film con Tom Hanks nei panni dell’astronauta Jim Lovell?
Nell’aprile del 1970 seppe far fronte all’esplosione dei serbatoi di ossigeno e al conseguente danneggiamento della navicella, annullando l’allunaggio e riuscendo a rientrare sulla Terra.

tazza Houston abbiamo un problema alla mostra Cosmos Discovery

Missione Apollo alla mostra Cosmos Discovery

Le foto alle pareti completano la suggestione di questa visita che io personalmente ho molto apprezzato e mi sento di consigliare alle famiglie, sia quelle con bambini piccoli che quelle con ragazzi più grandi.
Se ci andrete, fatemi sapere il vostro parere.

pannello shuttle base di lancio alla mostra Cosmos Discovery

interno dello shuttle alla mostra Cosmos Discovery

Quanto costa la mostra Cosmos Discovery

Biglietto singola mostra
Adulti 18 euro
Bambini 15 euro
Audio-guida gratuita

Biglietto combinato per 3 mostre
Adulti 32 euro (anziché 49)
Bambini 26 euro anziché 39
Per ora potete abbinare la visita di Dinosaur Invasion e Brickmania perchè Scientopolis aprirà solo il 1 novembre.
Di Real Bodies, quella sul corpo umano, non posso dire nulla perchè io non l’ho visitata sia per questioni di tempo che perchè non mi sembrava adatta ai bambini visto che ho letto che è abbastanza impressionante.

Orari e giorni di apertura

Aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10 alle 20.
Verificate sul sito ufficiale delle mostre per eventuali variazioni dei giorni e degli orari di apertura.

Razzo alla mostra Cosmos Discovery

Come si raggiunge la mostra Cosmos Discovery

Tutte e cinque le mostre in programma (Scientopolis aprirà il primo novembre le altre quattro sono già aperte) si trovano al Guido Reni District, a pochi passi dal Museo MAXXI, in Via Guido Reni 7. Facilmente raggiungibile dalla Stazione Termini: Metro A fermata Flaminio, Tram linea 2 (Mancini) fermata Apollodoro. Dalla stazione Tiburtina è molto comodo prendere l’autobus Atac della linea 168 (fermata MAXXI).

About Paolo Merlini

Merlini è uno che entra nelle autostazioni come un pellegrino nella cattedrale di Compostela attendendo la benedizione. Come e meglio di Benigni, potrebbe mandare a memoria tutte le sigle delle aziende di trasporto pubblico, dall’Autostradale alla Zani Viaggi, con gli occhi chiusi e con le mani legate, compresi i relativi indirizzi web

Commenti

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...