Home / Friuli Venezia Giulia / Trieste con i bambini: Tram di Opicina e Strada Napoleonica

Trieste con i bambini: Tram di Opicina e Strada Napoleonica

Dopo il Castello di Miramare e l’Immaginario Scientifico, durante il nostro breve soggiorno estivo,, abbiamo scoperto altre due cose da fare a Trieste con i bambini che ci hanno entusiasmato e vi consigliamo vivamente:

1) Il tram di Opicina  che da più di 110 anni collega la centrale Piazza Oberdan al paese di Villa Opicina che giace sul Carso a 348 m.s.l.m.
Questo antesignano del trasporto pubblico locale è uno dei simboli cittadini più amati dai triestini ma anche dai turisti.

Che emozione per i bimbi salire a bordo delle antiche carrozze con i sedili in legno, e poi quando il tram si fa largo nella piazza e inizia la lunga risalita donando ai passeggeri scorci mozzafiato della città.

 

Tram di Opicina Trieste con i bambini

Tre sono le corse di andata e ritorno ogni ora e il biglietto è lo stesso, a tariffa oraria, che consente l’accesso agli autobus ma ricordate che anche questo con la FVG card è gratuito.

Vi suggeriamo di scendere all’Obelisco, due fermate prima del capolinea.

Da qui si domina il golfo e si ammira la città dall’alto.

passeggiata napoleonica a Trieste con i bambini

2) All’Obelisco inizia la passeggiata sulla Strada Napoleonica, circa sei chilometri di un sentiero brecciato appeso a mezzacosta, ombreggiato dagli alberi del bosco ma sempre vista mare.
I nostri bambini sono riusciti a farla tutta, ma non nascondo che si sono stancati un po’, l’importante è portare acqua in abbondanza e qualche spuntino per fare delle tappe sulle panchine lungo il percorso.
Dipende anche dall’età dei bimbi e se sono abituati a camminare, quindi valutate bene prima di partire perché poi bisogna arrivare in fondo per forza a piedi, visto che non possono transitare di lì né auto né bus.

 passeggiata napoleonica a Trieste con i bambini

Alla fine della passeggiata, a pochi metri, trovate la fermata dell’autobus 42 che vi riporta in centro città.
In alternativa potete decidere di pranzare nel paesino di Prosecco oppure prendere, come abbiamo fatto noi, l’autobus 42 e scendere a Contovello, dove si trova la Trattoria sociale  da 120 anni presidio culinario del territorio. Un posto caratteristico nella sua semplicità, dove scoprire sapori particolari.

Andare a Trieste con i bambini è anche questo, far assaggiare loro gusti molto diversi da quelli a cui sono abituati perché viaggiare è aprirsi a mondi sconosciuti.
Non c’è bisogno di andare molto lontano, l’Italia è ricca di diversità da nord a sud.

 

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Monte Vettore nei dintorni di Ascoli Piceno

L’ABC del Piceno: visitare Ascoli Piceno e dintorni

Il progetto #insiders di Trippando  è ricominciato con un giochino e io non posso che partecipare, visto …

Commenti

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...