Home / Eventi per famiglie / Mostre / La mostra Harry Potter di Milano

La mostra Harry Potter di Milano

Da mesi non si parla d’altro, c’era grande attesa per questa mostra dedicata alla famosa saga di Harry Potter che ha aperto i battenti alla Fabbrica del Vapore di Milano il 12 maggio e resterà fino al 9 settembre 2018.
Un vero e proprio evento, visti i quattro milioni e mezzo di visitatori che ha totalizzato in giro per il mondo nelle tappe precedenti.

 locandina-Harry-Potter

Tutti vogliono sapere com’è, se vale la pena acquistare i biglietti molto tempo prima e magari arrivare da lontano per vederla, quanto dura la visita e come si svolge.

Io e mio figlio maggiore ci siamo appena stati e vi raccontiamo un po’ di cose sulla mostra, secondo il nostro personalissimo giudizio.
I nostri punti di vista sono del tutto differenti: io non sono una grande appassionata mentre lui è un lettore assiduo del maghetto con gli occhiali.
Alla fine, per colpa sua, mi sono ritrovata anch’io ad assaggiare quella porcheria che è la burrobirra quando siamo stati a Londra, infatti, ci ha trascinati tutti e quattro agli Harry Potter Studios, l’articolo lo trovate qui con tanto di video.

Ma torniamo alla mostra di Milano Harry Potter The Exhibition e alle informazioni che vi possono essere utili se state pensando di andare con i vostri bambini.

 Locandina-film-Harry-Potter

Dove si comprano i biglietti per la mostra di Harry Potter di Milano

I biglietti si comprano online sul sito Ticket One.
Potete prenotare la vostra visita nel giorno che preferite scegliendo tra gli orari ancora disponibili.
Per molte date del mese di maggio sono rimasti solo biglietti serali, ma tenete conto che la visita dura un’ora, quindi non finirete molto tardi. Noi siamo entrati alle 20.30 e alle 21.30 eravamo già nello shop.
Attenzione a controllare più volte le giornate in cui i biglietti sono terminati perchè aggiungono disponibilità anche successivamente.
Quando li ho acquistati io, qualche mese fa, i biglietti per sabato 12 maggio erano finiti già da un po’ e invece andando a ricontrollare dopo qualche giorno sono uscite fuori delle disponibilità per le 20.30. Perciò non disperate e provate a visitare ogni tanto il sito.

Gli orari di apertura sono: lunedì dalle 15.00 alle 22.00, martedì, mercoledì, e giovedì dalle 10.00 alle 22.00, venerdì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 23.00.

locandine film di Harry Potter

Quanto costano i biglietti della mostra di Harry Potter di Milano

Il prezzo dei biglietti varia a seconda del giorno:
1) dal lunedì al giovedì costano 18,90 euro per gli adulti, 16,90 per i bambini dai 4 ai 12 anni e 14,40 a testa con il pacchetto famiglia per 4 persone (2 adulti + 2 bambini dai 4 ai 12 anni);
2) dal venerdì alla domenica costano 20,90 per gli adulti, 17,90 per i bambini dai 4 ai 12 anni e 16,90 a testa con il pacchetto famiglia per 4 persone (2 adulti + 2 bambini dai 4 ai 12 anni).

L’audio-guida costa 6,70 euro e io la consiglio per i bambini che non conoscono benissimo i libri o i film della saga, sicuramente avere tutte le spiegazioni li aiuta a godere maggiormente della mostra. La potete acquistare insieme al biglietto online o anche al vostro arrivo alla Fabbrica del Vapore, proprio all’ingresso, vicino al guardaroba.

abiti per il Quidditch alla mostra su Harry Potter

Harry Potter The Exhibition Milano: cosa c’è

La mostra è composta da un percorso in semioscurità che si snoda su 1.600 metri quadri ed è comprende set ricostruiti, costumi e oggetti autentici utilizzati nei vari film.
Subito dopo l’ingresso, nella piccola sala con le locandine e pazientando per la fila, c’è la possibilità di fare la foto con la bacchetta del proprio personaggio preferito su sfondo verde che poi verrà sostituito da uno scenario a tema. Dopo questa prima sosta si entra nel vivo della mostra con un personaggio in costume che invita i bambini a mettere la testa sotto ad un cappello parlante e così li assegna alla casa di Hogwarts che hanno amato di più nel libro.

Da quel momento la visita è libera e si attraversano grandi saloni e stanze più piccole che rappresentano le varie ambientazioni nelle quali si sviluppa la storia: i dormitori con i letti di Harry e Ron e tantissimi oggetti (come l’uovo d’oro recuperato da Harry, i famosi maglioni, i cappelli, gli occhiali, le bacchette, le scarpe…), una teca con gli oggetti della classe di divinazione, le divise degli studenti di Hogwarts,  le aule della scuola, le ampolle con le pozioni, gli abiti originali degli insegnanti, le piante magiche delle lezioni di erbologia, i vestiti e le attrezzature per praticare il Quiddich, la foresta proibita e la capanna di Hagrid con la poltrona dove è “obbligatorio” sedersi!

poltrona nella capanna di Hagrid alla mostra su Harry Potter a Milano

ingresso-alla-capanna-di-Hagrid

la-capanna-di-Hagrid-alla-mostra-su-Harry-Potter-di-Milano

Si attraversa anche una sala dedicata alla magia nera abbastanza inquietante per i bambini vi consiglio di non soffermarvi troppo sugli oggetti più impressionanti altrimenti stasera avrete ospiti nel lettone!
Sarete poi rinfrancati dai colori della Sala Grande con i vestiti per il ballo e gli stranissimi dolcetti di Mielandia: gelatine, cioccorane, le piperille e i pallotti cioccocremosi ve li ricordate?
Certo che la Rowling ha una fantasia pazzesca e sicuramente anche a questo è dovuto il grande successo dei suoi libri, è tutto così dettagliato che l’assurdo sembra vero.

Nell’ordine i punti più interessanti per i bambini sono: la foto con la bacchetta, il cappello parlante, i libri animati, la serra di erbologia con l’estrazione della mandragola che piange, il lancio della pluffa nei cesti del Quidditch, la poltrona gigante e la capanna di Hagrid.

Ecco un po’ di foto, alcune sono un po’ scure ma l’idea di cosa c’è e di come si svolge la visita ve la possono dare.

Ingresso alla mostra Harry Potter di Milano con il cappello parlante

 i-quadri-parlanti-Harry-Potter-Exhibition-Milano

abiti-degli-insegnanti-alla-mostra-su-Harry-Potter

oggetti alla Harry Potter Exhibition di Milano

divise della scuola Harry Potter

Grifondoro alla mostra su Harry Potter di Milano

oggetti della classe di divinazione alla mostra Harry Potter alla Fabbrica del Vapore

oggetti-della-classe-di-divinazione-alla-mostra-Harry-Potter-Milano

la-classe-di-pozioni-alla-Harry-Potter-Exhibition-di-Milano

oggetti-della-lezione-di-erbologia-alla-mostra-su-Harry-Potter-di-Milano

oggetti-dei-set-dei-film-di-Harry-Potter

oggetti del film alla mostra su Harry Potter alla Fabbrica del Vapore

abiti per il Quidditch alla mostra su Harry Potter

Quidditch alla mostra di Harry Potter di Milano

costumi orginali alla Harry Potter Exhibition

i dolci del negozio Mielandia-alla-mostra-su-Harry-Potter

dolci-del-negozio-Mielandia-di-Harry-Potter

Cosa bisogna sapere prima di andare alla Harry Potter Exhibition

Innanzitutto non si possono portare gli zaini all’interno ed è obbligatorio lasciarli al guardaroba per un costo di 2 euro. Le borse invece sono permesse. Inoltre non si può entrare con i passeggini quindi i bambini piccoli devono essere tenuti in braccio. Il percorso è tutto in piano, non ci sono scale da fare e si gira abbastanza velocemente, la visita dura un’ora.



Per i bambini è carino prendere l’audioguida che spiega i vari oggetti, ci sono i numeri ad ogni postazione.
Non c’è una guida in carne ossa che vi accompagna durante il percorso ma la visita si volge in autonomia, solo poco dopo l’ingresso c’è un personaggio che invita i bambini ad indossare il cappello parlante.

Per arrivare potete scendere alla fermata della metro Cenisio o Monumentale che più o meno sono equidistanti, ma la mostra si può raggiungere anche a piedi con una passeggiata dalla stazione Garibaldi e il quartiere della movida milanese di Corso Como (noi al ritorno l’abbiamo fatta a piedi in 15 minuti fin lì).

ingresso della mostra di Harry Potter

costumi originali del film di Harry Potter alla fabbrica del vapore.

abiti mostra di Harry Potter

Com’è la mostra Harry Potter di Milano?

Molti mi hanno chiesto com’è e se vale la pena andare, io vi dico come la penso, senza nessun tipo di condizionamento visto che ho pagato il biglietto.
La mostra è ben curata sia nelle ambientazioni che negli oggetti esposti, il buio delle sale la rende più coinvolgente e ci sono alcune chicche simpatiche che vi ho già detto come il cappello parlante, la pianta della madragola, la cappanna di Hagrid, il tiro della palla nel cesto del Quidditch, i quadri parlanti, la possibilità di fare la foto ricordo, lo shop molto fornito di oggetti di qualunque tipo inerenti la saga… insomma il costo del biglietto per me lo vale tutto.

Detto questo la visita dura soltanto un’ora e forse per chi non è un vero appassionato di Harry Potter, potrebbe non giustificare un viaggio lungo per vederla e magari un weekend fuori per tutta la famiglia con annessi costi di hotel e pasti.
Quindi la mia personalissima idea è che sia una mostra imperdibile per i “Potteriani-dipendenti”, per chi abita a Milano e nei dintorni oppure per chi si trovi in zona per altri motivi, forse un po’ meno per chi viene da molto lontano.
In alternativa potreste programmare un weekend prevedendo anche altre attività, come la visita al Museo della Scienza o al MUBA se i vostri bambini sono piccoli e creativi.
Trovate anche altre le idee su cosa fare a Milano con i bambini qui.
Se visitate la mostra mi piacerebbe sapere qual è il vostro giudizio e se questo articolo vi è piaciuto condividetelo.



Questo articolo contiene un’affiliazione con TicketOne, ciò significa che se acquistate i biglietti dal link che parte da questo articolo noi riceviamo una piccola commissione. Perché dovreste farlo?
Perché i nostri contenuti sono gratuiti e in questo modo potete sostenerci e permetterci di continuare a pubblicare idee e esperienze da fare con i bambini.

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Commenti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *