Home / Assicurazione Viaggio / Come funzionano le assicurazioni di viaggio

Come funzionano le assicurazioni di viaggio

Le valigie pronte vicino all’ingresso, un ultimo controllo veloce ai documenti e al programma di viaggio, quel vago senso di agitazione immotivata nell’aria.
La sera prima di una partenza per un viaggio con tutta la famiglia si prepara distrattamente la cena con l’accortezza di sporcare il meno possibile. Un po’ di tv e poi tutti a dormire presto che domani si parte!
valigie

E invece no. Non si parte più.

Basta una mezza ombra di uomo che avanza a tentoni nel buio e una vocina fioca:- mamma, non riesco a dormire.
Lo guardi.
Le guance rosse e lucide come la mela di Biancaneve, le manine calde come pagnotte appena sfornate ed eccola lì la febbre che sale sul termometro digitale… 34,5… 35,8… 37,8… 39,7!

A quel punto la situazione evolve in base al tipo di viaggiatore che sei.

  • Quello che ha fatto l’assicurazione di viaggio se ne fa una ragione, somministra la Tachipirina e se ne torna a dormire pensando ad una nuova data in cui potrà recuperare la vacanza.
  • Quello che non ci ha pensato, non sa se partire lo stesso, infliggendo al povero bambino e a tutta la famiglia un viaggio da incubo, oppure restare a casa, rimettendoci un bel po’ di soldi.
    Volo o treno, hotel o appartamento, attrazioni prenotate e card turistiche acquistate online, tutto perduto.

Noi appartenevamo al secondo gruppo, quelli che si affidano al caso perchè l’idea di spendere dei soldi in più per l’assicurazione gli pesa… sono bastati un paio di viaggi annullati per cambiare idea.

bacio di mamma al figlio

Come funzionano le assicurazioni di viaggio

La maggior parte delle assicurazioni di viaggio propone un pacchetto completo che oltre all’annullamento, copre anche le spese mediche in caso di ricovero ospedaliero e le problematiche relative ai bagagli (furto, danneggiamento, smarrimento e ritardo nella consegna), oltre ai casi più gravi come responsabilità civile (danni non intenzionali a terzi) e infortuni (invalidità e decesso).

Per risparmiare si può scegliere una polizza che copra solo le spese mediche senza annullamento; ma non la trovo conveniente per le famiglie che hanno bisogno principalmente di quello, io mi sento di consigliarvi quella completa.

Potete farla solo quando non vi interessa l’annullamento, ma avete bisogno della copertura delle sole spese mediche, come ad esempio un viaggio negli Stati Uniti dove la spesa sanitaria è enorme per qualsiasi trattamento e per pagare una giornata al pronto soccorso vi ci vuole un mutuo!

Le cose importanti da controllare prima di acquistare un’assicurazione di viaggio sono:

  • la franchigia prevista (la quota che dovete pagare voi);
  • i massimali a persona (l’importo massimo che vi rimborsano);
  • le esclusioni delle malattie pregresse (in genere non pagano in caso di una patologia legata ad una malattia che avevate già prima della stipula della polizza o cronica);
  • i paesi esclusi dalla copertura (normalmente quelli ad alto rischio come ad es. Iran, Corea del Nord, Siria).

In alcuni casi potete aggiungere anche l’opzione Zero franchigia in modo da non dover pagare la quota che spetta a voi delle spese sanitarie, ma il costo dell’assicurazione è più alto.

 aereo

Quale assicurazione di viaggio scegliere

La scelta sulla tipologia di assicurazione si riduce essenzialmente a due opzioni:

  • assicurazione per un singolo viaggio
  • assicurazione annuale multiviaggio

È abbastanza intuitivo che la decisione dipende da quanto viaggiate.

Se fate una sola vacanza all’anno vi conviene senza dubbio la prima ma se, come noi, viaggiate spesso con la vostra famiglia, anche solo per un weekend ogni tanto, vi conviene la seconda. La differenza non è molta come si potrebbe pensare.

Un’assicurazione annuale multiviaggio per una famiglia di 4 persone costa poco più di 300 euro all’anno. Il costo di quella relativa al singolo viaggio in un paese extraeuropeo si aggira intorno ai 180 euro. Quindi bastano 2 viaggi/vacanze all’anno per farla diventare conveniente.

 colazione-a-letto

Perchè con l’assicurazione di viaggio si riesce a risparmiare sul costo del soggiorno?

Noi da quando abbiamo l’assicurazione annuale risparmiamo parecchio sul prezzo dell’alloggio e sapete come mai?

Perchè prenotiamo sempre la tariffa più bassa che non prevede il rimborso in caso di annullamento, sapendo che siamo tutelati dall’assicurazione. Prima per paura di dover annullare sceglievamo sempre la tariffa con cancellazione gratuita, sia per gli hotel che per gli appartamenti. Sommando quei 30/40 euro in più a prenotazione, l’assicurazone di viaggio te la sei ripagata.

L’assicurazione di viaggio che abbiamo scelto noi

Noi abbiamo scelto Columbus Annuale Multiviaggio.

Questi i vantaggi:

  • Spese mediche illimitate
  • Assistenza 24h e rimpatrio inclusi
  • Interprete telefonico
  • Copertura bagaglio fino a €2.000
  • Annull. viaggio fino a €2.000
  • Spese legali fino a €10.000
  • Resp. civile fino a €500.000
  • VIP LOUNGE se volo in ritardo
  • Polizze acquistabili last minute
  • Bambini(0-2) gratis!

Questi gli svantaggi:

Le assicurazioni Columbus non coprono problemi dovuti a malattie pregresse. Ma ad oggi non ho trovato nessuna compagnia che le copra su un’assicurazione annuale multiviaggio, solo su viaggi singoli e con costi molto elevati che non so fino a che punto siano convenienti per una famiglia.

Sconto per i lettori di Italiaconibimbi

Columbus riserva uno sconto del 10% ai nostri lettori, potete usare il preventivatore inserito qui sotto per vedere quanto vi costerebbe l’assicurazione o dal sito di Columbus inserendo nel preventivo il codice  ITABIM.

Fare clic per accettare i cookie e abilitare questo contenuto

Sul sito di Columbus trovate anche tante guide di viaggio per tutte le principali destinazioni del mondo:
Post sponsorizzato da Columbus Assicurazioni.

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.