I musei di Trieste: acquario, del mare, ferroviario, di storia naturale e della pace | Italia con i bimbi

I musei di Trieste: acquario, del mare, ferroviario, di storia naturale e della pace

Aquario Marino 

Non si tratta di una svista, l’acquario di Trieste si chiama proprio AQUARIO ed è stato inaugurato nel 1933 in quella che era la pescheria centrale della città.

Attualmente si trova al Molo Pescheria 2 Riva Nazario Sauro 1 e si raggiunge a piedi da Piazza Unita d’Italia in pochi minuti oppure con gli autobus 8, 9 e 30.

L’allestimento è un po’ datato e nel complesso non è molto grande ma il prezzo del biglietto è veramente irrisorio quindi secondo noi vale la pena andare, ai bambini piacerà comunque.

Al piano terra le vasche con le specie provenienti dall’alto Adriatico e dal Mar Mediterraneo : squali, razze, astici, aragoste, orate, branzini, scorfani, dentici, murene, cefali e mormore.

Mentre al primo piano scoprirete il vivarium con le vipere più velenose, tartarughe, rane e serpenti tropicali come pitoni e boa.
Sapere dal custode che alcune vipere che vivono sulle nostre montagne uccidono un bambino in 30 minuti ci ha lasciato senza parole… l’anno prossimo tutti al mare!

Ricordate che tutti i musei (tranne quello ferroviario dove pagherete ridotto) sono gratuiti con la FVG CARD e che è possibile anche usufruire del servizio sempre gratuito Trieste City Pod che permette il noleggio di un iPod in cui è installata l’applicazione Trieste Cultura, che vi guiderà all’interno dei musei con questo marchio.

Attualmente l’acquario di Trieste è chiuso per ristrutturazione e non si sa quando riaprirà, a novembre è uscita sui giornali locali la notizia di un grande progetto in collaborazione con Costa Edutainment che prevede la realizzazione di un acquario molto più grande di quello attuale e la ristrutturazione completa dell’area del Porto Lido, attendiamo fiduciosi. 

Maggiori informazioni sul sito ufficiale aquariotrieste.it 

Trieste - acquario marino

Trieste - acquario - serpenti

Il Museo del Mare

Molto vicino all’Aquario Marino si trova anche il Museo del mare in Via Campo di Marzio 5 e racconta la storia della marineria triestina.
Una grande collezione dedicata alla pesca e alla nautica, modellini di imbarcazioni, dipinti e vari strumenti per la navigazione.

La collezione Lloyd deposito a vista e la sezione Pescatori si diventa sono visitabili giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle 17 e l’ingresso è gratuito.

Tutte le info sul sito ufficiale del museo.

Trieste - museo del mare - modellini

Trieste-museo-del-mare-navi

Trieste-museo-del-mare-piroscafo

 

Il Museo Ferroviario

Dall’Aquario Marino abbiamo preso l’autobus 8 e siamo scesi all’ufficio postale per raggiungere in Via Giulio Cesare 1 il Museo ferroviario visto che era mercoledì (è aperto sabato, domenica e mercoledì).

Come poteva Paolo, il “viaggiatore lento” delle ferrovie dimenticate, non sostenere la causa di un gruppo di volontari e appassionati ferrovieri di Trieste?

Nelle sale interne troverete apparecchiature, arredi, divise, progetti, spezzoni di rotaia, plastici con trenini elettrici in movimento e una sala dedicata allo storico tram di Opicina di cui parleremo in un altro post.

All’esterno si trova la parte più entusiasmante per i vostri bambini: locomotive a vapore, locomotive elettriche, mezzi diesel da manovra, carrozze passeggeri, carri merci, veicoli speciali e vetture tranviare.

Attualmente il museo ferroviario è chiuso per ristrutturazione. 

Per info e orari : Museo Ferroviario

Trieste - museo ferroviario - bambino davanti ai treni

Trieste - museo ferroviario

Trieste - museo ferroviario - treno

 

Il Museo di storia naturale

Da tutta altra parte si trova invece un museo che ci ha piacevolmente sorpreso e che vale lo sforzo di arrivare in Corso Italia per prendere al volo un altro autobus, il numero 18 direzione Cumano, e scendere alla prima fermata dopo il capolinea.

Solo per vedere Antonio bisogna andare al Museo di Storia Naturale di Trieste.

Ma chi è Antonio direte voi?

Con i suoi 4 metri di lunghezza, è uno dei dinosauri più completi mai trovati al mondo insieme agli altri reperti del sito del Villaggio del Pescatore (Duino-Aurisina, Trieste): zampe anteriori, una vertebra, un osso del bacino, un cranio disarticolato.

Oltre ai tanti animali da vedere nelle stanze della catena alimentare, al gabinetto scientifico, ai fossili, durante la visita troverete alcuni giochini per riaccendere l’attenzione dei più piccoli come quello dei crani da riordinare e infilare negli appositi spazi.

Trieste - museo di storia naturale

Trieste - museo di storia naturale - anatomia di Antonio

 

Il Museo della Guerra e della Pace

Ora se non siete ancora stanchi, appena usciti dal museo di storia naturale, in fondo sulla sinistra, potete fare una piccola lezione di storia ai vostri pargoli portandoli al Museo della Guerra e della Pace .

Ospita cannoni e mezzi pesanti oltre a un carro funebre uguale a quelli che il 2 luglio 1914 trasportarono la salma dell’arciduca Francesco Ferdinando, nipote dell’imperatore Francesco Giuseppe I ed erede del trono degli Asburgo, e quella della moglie duchessa Sofia Chotek dalla Piazza Grande (ora Unità) alla Stazione meridionale di Trieste.

Trieste - museo della guerra e della pace

Per le altre cose da vedere in città, i consigli dove dormire e dove mangiare potete leggere l’articolo  Trieste con bambini.

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Torino - museo del cinema area cartoni animati

Museo del Cinema di Torino

Siamo stati con i nostri figli al museo del cinema di Torino e abbiamo partecipato ad un laboratorio, vi raccontiamo com'è, come risparmiare sul costo del biglietto, come saltare la fila.

Commenti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *