Abbigliamento in viaggio e shopping prima di partire

Mai come quest’anno la primavera segna un periodo di rinascita, non so voi, ma io ho davvero voglia di ricominciare a vivere: uscire con gli amici, andare al ristorante, al cinema, a teatro… ma più di tutto viaggiare. Se il Covid ci darà un po’ di tregua grazie ai vaccini, voglio ricominciare a fare gite nei dintorni, weekend per visitare le città d’arte, rilassarmi in vacanza al mare o in montagna.

Dopo un lungo inverno in cui le occasioni di socialità erano di ridotte al minimo, non ho dedicato molto tempo a rinnovare il mio guardaroba, per stare in casa bastavano una tuta e un maglione sciupato. I ragazzi poi sono cresciuti ancora, il piccolo è letteralmente “lievitato”.

Aprendo il suo armadio sembra che magliette e pantaloni si siano ristrette a causa di un lavaggio sbagliato.  Non si può essere alti un metro e ottanta a 13 anni, no, davvero non si può e poi… dovrebbe essere vietato per legge crescere così velocemente e non dare tempo alle madri di abituarsi all’idea.

Prima di fare le valigie per il viaggio di Pasqua questa volta ho dovuto acquistare un po’ di scarpe, vestiti e accessori per tutta la famiglia.

ragazzo - lago di Braies

L’abbigliamento che consigliamo in viaggio

Visto che viaggiamo spesso con i mezzi pubblici, camminiamo molto e amiamo andare in bicicletta, il nostro abbigliamento è per lo più sportivo senza essere eccessivamente tecnico: t-shirt per i ragazzi, jeans e felpe per tutti.
Visitando anche musei, parchi tematici, ristoranti di città… cerchiamo sempre di stare comodi ma al tempo stesso non sembrare appena scesi da una scalata in montagna!

Ad esempio Paolo ha eliminato le camicie e usa solo polo con la manica corta, così non c’è il problema di stirarle, visto che il nostro bagaglio è ridotto e non portiamo mai il ferro da stiro.

In valigia non mancano mai i giubbini antivento e antipioggia per tutta la famiglia. In estate usiamo quelli sfoderati mentre in primavera e autunno quelli con una leggera imbottitura tipo 100 grammi. Negli anni abbiamo testato varie marche e ci siamo trovati bene con CMP, Montura, Napapijri, Save the duck, Colmar.

Tutti e 4 usiamo solo scarpe comode e sportive: un paio ai piedi e un paio in valigia per limitare al massimo il bagaglio.

Io non porto mai scarpe con il tacco o ballerine in viaggio, le mie marche preferite di calzature sono Saucony e Premiata. Le trovo entrambe pratiche e adatte a chi cammina molto, anche se sono di fasce di prezzo diverse.

Navigando in rete ho scoperto che Saucony è al terzo posto nella classifica dei brand preferiti dal pubblico del sito Stileo mentre Premiata è al dodicesimo.
Stileo.it è un aggregatore, in pratica si tratta di un sito che presenta abbigliamento e accessori di marca per uomo, donna e bambino, poi reindirizza gli utenti ai siti dei negozi dove si possono acquistare (molti prodotti sono scontati).

Ho notato anche che su questo sito c’è un’ampia sezione dedicata ai bambini con tantissimi prodotti dei marchi più famosi, tra tanti vi segnalo Mayoral, Falcotto, Lego Wear, Disney per i più piccoli e Adidas, Converse, Fila, Napapijri per i più grandi.

Mentre sotto la voce “abbigliamento sportivo” trovate un’ampia selezione di scarpe da trekking e abbigliamento tecnico come magliette traspiranti e pantaloni da indossare in montagna.

famiglia - sulla pista ciclabile di Brunico

Valigie e accessori: i nostri consigli

Sullo stesso sito ci sono anche gli accessori indispensabili in viaggio come valigie, occhiali da sole, zaini, cappelli.

Negli anni abbiamo testato un bel po’ di valigie e in base alla nostra esperienza posso dire che se viaggiate in treno, come noi, le valigie migliori sono i trolley morbidi in tessuto impermeabile che pesano meno di quelli rigidi ma si trasportano bene grazie alle ruote.
Una marca di trolley soft, non proprio economica, ma che ha una buona durata ed è più leggera rispetto a quelle che costano meno è Bric’s.

Se invece il vostro mezzo di trasporto preferito è l’auto, direi che ai trolley in tessuto potete aggiungere anche i borsoni di tela leggera che si schiacciano meglio all’interno del bagagliaio. Molto utili come bagaglio di emergenza al ritorno, per gli abiti indossati che non entrano più in valigia o in caso di acquisti di souvenir, basta portarli vuoti e ripiegati in una busta da lasciare nell’auto.

In aereo non c’è storia, ci vogliono i trolley rigidi, anche se pesano di più; quelli in tessuto si rovinano facilmente e si strappano perfino nei vari passaggi. Inoltre, in aereo è consigliabile chiudere i bagagli con un lucchetto che si applica meglio alle valigie rigide.

Se avete paura di dimenticare qualcosa quando fate le valigie, potete stampare la nostra lista delle cose da portare che trovate in questo articolo: Come fare le valigie per tutta la famiglia: 15 trucchi.

zaini - in viaggio

 

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Commenti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.