Abruzzo

Centro del lupo di Popoli

Popoli, la città delle acque all’ombra del massiccio del Morrone, oltre alla Riserva Naturale Regionale Sorgenti del Pescara, vanta un affermato centro termale oltre a una grande area faunistica, il Centro Visita del Lupo.

Fondato all’incirca 50 anni fa nel tentativo di scongiurare l’estinzione del lupo appenninico, è stato trasformato in un posto dove si accudiscono animali in difficoltà e bisognosi di cure – non solo lupi ma anche cervi, caprioli e rapaci -.

Come arrivare al centro del lupo di Popoli

Questo luogo ideale per tutta la famiglia dove vivere una fantastica esperienza all’aria aperta è un’importante struttura di proprietà del Corpo Carabinieri Forestali dello Stato e ricade all’interno del Parco Nazionale della Majella.

Più precisamente si trova alle falde del Monte Rotondo, in località Impianezza, a breve distanza dal centro storico di Popoli e facilmente raggiungibile in automobile.

Popoli, ricordata per aver dato i natali a Corradino D’Ascanio l’ingegnere abruzzese che inventò la Vespa, si trova lungo la Strada Statale 5 Tiburtina Valeria a circa 50 Km da Pescara. Servita anche dall’Autostrada A 25, ha nel casello Bussi-Popoli l’uscita più prossima al centro città.

Inoltre Sulmona, la città dei confetti, dista meno di 20 Km.

Da sapere che, data la relativa vicinanza di Popoli con Caramanico Terme (meno di 30 Km) la visita al Centro del Lupo può ben essere abbinata alle più note escursioni sul versante orientale della Majella:

Come si svolge la visita del Centro del Lupo

Non si può visitare autonomamente il Centro del Lupo e la prenotazione è obbligatoria.

È infatti il personale qualificato del Centro di Educazione Ambientale Il Bosso ad accompagnare gruppi di turisti nel corso di visite guidate della durata di circa 3 ore.

Durante il periodo estivo, da inizio luglio a metà settembre, ci sono 2 visite giornaliere con partenze alle 10.00 e alle 15.00.

Negli altri mesi in genere sono solo la domenica alle 10.30 ma variano a seconda del periodo perciò vi conviene controllare sul sito: ilbosso.com/centrovisitadellupo 

Per informazioni e prenotazioni è necessario contattare la Cooperativa il Bosso al numero 085-9808009 oppure si può prenotare direttamente dal sito.

Le visite partono dal Museo del Centro che, in 3 sale, compresa quella dove sono riprodotti gli ululati, racconta la vita del lupo e il suo difficile rapporto con l’uomo.

Il Centro Visita è accessibile a persone disabili. Per persone in sedia a rotelle è possibile visitare l’area faunistica del lupo accompagnati con un’auto.

Percorso didattico “dalle prede ai predatori”

È la prima parte dell’itinerario di visita.

Un sentiero su fondo sterrato ma adatto a tutti, passa in mezzo ad ampi recinti all’interno dei quali vengono accuditi numerosi esemplari di cervi, daini, cinghiali, mufloni e caprioli, oltre a gufi, barbagianni ed altri voltili selvatici che a volte vengono curati qui quando il centro per il recupero rapaci di Pescara non ha disponibilità.

Sono tutti animali selvatici portati qui per essere curati col solo fine di reintrodurli nel loro habitat.

 

Tra le tante informazioni raccontate strada facendo dalla guida che accompagna i gruppi, colpisce apprendere che un animale in cattività vive il doppio che in libertà perché assume pasti regolari ed è a riparo dai predatori.

A metà dell’itinerario si entra nella zona della riserva dove sono ospitati i lupi.

È un luogo molto suggestivo dove si entra in tutta sicurezza ma facendo il massimo silenzio. Non possiamo documentarvi alcunché perché vige il divieto di pubblicare le foto dei lupi qui ospitati.

Al momento sono 3 esemplari, di cui il più giovane è nato in cattività.

Il lupo Appenninico

Oggi fortunatamente non è più a rischio estinzione e anzi è proprio nel centro Italia che si contano numerosi esemplari.

Sapevate che all’interno del Parco Nazionale della Majella sono stati censiti 8/9 branchi di lupi?

Uno di questi è stato localizzato proprio sul Monte Rotondo, cima alle falde della quale sorge il Centro del lupo di Popoli.

Nonostante ciò, non illudetevi: è rarissimo avvistare un lupo in libertà!

 

 

 

 

Paolo Merlini

Merlini è uno che entra nelle autostazioni come un pellegrino nella cattedrale di Compostela attendendo la benedizione. Come e meglio di Benigni, potrebbe mandare a memoria tutte le sigle delle aziende di trasporto pubblico, dall’Autostradale alla Zani Viaggi, con gli occhi chiusi e con le mani legate, compresi i relativi indirizzi web

Articoli recenti

10 cose da fare Valle Aurina con bambini e ragazzi

Cosa fare in Valle Aurina con bambini e adolescenti: cascate, Fly-Line, parco acquatico, dinosauri, passeggiate,…

5 giorni fa

Luxury Camp at Union Lido – Cavallino Treporti

Luxury Camp at Union Lido: alloggi perfetti per le famiglie che amano stare a contatto…

2 settimane fa

Piani di Castelluccio di Norcia: fioritura, cosa fare, dove mangiare

Piani di Castelluccio di Norcia: come arrivare, cosa fare, dove mangiare, dove dormire e quando…

3 settimane fa

10 spiagge per bambini in Sardegna

Le migliori spiagge per bambini in Sardegna: 10 location dove potete andare con i bambini…

3 settimane fa

Le migliori spiagge per bambini in Italia

Le migliori spiagge per bambini in Italia con sabbia fine e fondali bassi, animazione, mini…

4 settimane fa

Vacanza a Porto Cesareo con i bambini: guida alle spiagge

Porto Cesareo con bambini: le spiagge, il borgo, dove alloggiare, l'Isola dei Conigli, che cosa…

1 mese fa
Booking.com