Home / Europa con i bimbi / Spagna / Il Bioparco di Valencia

Il Bioparco di Valencia

Entrando al Bioparco di Valencia mi è tornata in mente la gita scolastica fatta allo Zoo Safari di Fasano da bambina. Ma che c’entra direte voi? Invece c’entra perché qui si va a piedi, là si va in auto tra gli animali ma l’esperienza è simile.

Bioparco di Valencia- paesaggio con bambino

Com’è fatto il Bioparco di Valencia

Non ci sono gabbie. Gli animali sono integrati nel parco e isolati dai visitatori da barriere naturali come alberi, fossati, tronchi o grosse pietre. L’allestimento del parco lo ha fatto uno bravo, uno che da bambino era un patito del Libro della giungla e da grande ha voluto ricreare il posto dove sognava di essere stato abbandonato anche lui e allevato dalla pantera Bagheera e l’Orso Baloo.

Tornando seri, che il parco ha un’ambientazione fantastica l’ho già detto?

Il Bioparco si divide in 4 grandi ecosistemi africani: Madagascar, Africa Equatoriale, Savana e la Grotta di Kitum.
Quest’ultima rappresenta la zona umida ed è la ricostruzione della leggendaria grotta africana.

Altra caratteristica da evidenziare è che gli animali si vedono tutti molto bene, grazie alla disposizione degli spazi e alla mancanza di grandi aree nascoste. Sembra un fattore trascurabile, invece non lo è, specialmente per i più piccoli.
A volte, in altri bioparchi, abbiamo notato come i bambini facciano fatica a scovare gli animali che, giustamente, sono liberi anche di ritirarsi nelle zone più riparate. Qui non accade perché gli spazi sono ampi e progettati molto bene, con soddisfazione sia degli animali che dei visitatori.

 

Bioparco-di-Valencia-elefanti-alla-cascata

Bioparco di Valencia- cerbiatti

Bioparco di Valencia- ippopotami fossato

Bioparco di Valencia- leonesse

 

Che animali potete vedere al Bioparco di Valencia?

Giraffe, zebre, gorilla, lemuri, ippopotami, aironi, fenicotteri, pellicani, gazzelle, serpenti, bufali, coccodrilli, manguste, porcospini, ghepardi, leoni, iene, rinoceronti e tanti altri… più di 4.000 animali di ben 250 specie diverse!

Una menzione speciale meritano gli elefanti, la loro area è molto curata, sono tanti e staresti ore a guardarli muoversi lenti. Che dirvi, sembrava di stare dentro a un film sull’Africa!

Bioparco di Valencia- elefante

Bioparco-di-Valencia-fenicotteri-rosa

 Bioparco-di-Valencia-ghepardo

Bioparco di Valencia- giraffa

Bioparco di Valencia- gnu

Bioparco-di-Valencia-leonessa

Bioparco di Valencia- zebre e rinoceronti

Bioparco di Valencia- leonesse

Cosa potete fare al Bioparco di Valencia

  • Assistere al pasto di scimpanzè, gorilla, voliera, elefanti.
  • Chiacchierare con i custodi dei gorilla, della voliera, degli elefanti.
  • Assistere all’esibizione nell’anfiteatro.



Quanto costa il Bioparc Valencia

Adulti = 23,80 euro
Bambini dai 4 ai 12 anni = 18 euro
Bambini fino a 4 anni = gratis
Adulti con più di 65 anni = 17,50
Con la Valencia Tourist Card = 15% di sconto
Il Bioparco è aperto tutto l’anno dalle ore 10. La chiusura varia a seconda del periodo dell’anno alle 19, alle 20 e alle 21. Potete controllare orari e offerte speciali sul sito ufficiale BioparcValencia.es.

 Bioparco di Valencia- galleria

Bioparco-di-Valencia-gazzelle-e-struzzi

Bioparco di Valencia- gazzelle

Bioparco di Valencia- gazzelle_1

Bioparco-di-Valencia-parco-giochi

Come arrivare al Bioparco

Il parco si trova in Avenida Pio Baroja, 3 Valencia. Se andate in auto c’è un parcheggio privato a pagamento ma potete anche parcheggiare nel vicino centro commerciale. Il mezzo più comodo è senza dubbio l’autobus con le linee 98 e 99 con la fermata davanti al Bioparco, 73 e 95 con fermata sul Ponte Nove Ottobre.
Noi abbiamo preso il 67 vicino alla Piazza de l’Ajuntament e siamo scesi alla fermata del centro commerciale Hernandez Lazaro che si trova a 5 minuti a piedi.

Dove mangiare

  • caffetteria aperta tutti i giorni dalle 10 fino ad un’ora prima della chiusura,
  • ristorante self-service aperto tutti i giorni dalle 12.30 alle 16.00,
  • chiosco con insalate, hamburger e pizze aperto solo nei weekend e nei festivi dalle 10 come snack-bar e dalle 12.30 alle 16 per gli hamburger.

Nel parco trovate anche un negozio di souvenir molto fornito vicino all’ingresso, aree gioco per i bambini tipo piccolo parco giochi, un anfiteatro per gli spettacoli, un cinema che proietta documentari.

Attraverso la Fundacion Bioparc, il Bioparco di Valencia partecipa a diversi progetti di conservazione delle specie in via d’estinzione negli Hotspot di biodiversità cioè le zone con maggiore diversità di specie della terra e le più minacciate.

Bioparco-di-Valencia-noi

Ringraziamo l’Ente per il turismo di Valencia per il supporto ricevuto per questo viaggio alla scoperta della città e delle sue attrazioni.



About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Oceanografico di Valencia: l’acquario più grande d’Europa

All’interno del moderno complesso della Città delle Arti e delle Scienze, opera geniale dell’architetto Calatrava, …