Home / Marche / Grotte di Frasassi: abbigliamento, prezzi, durata della visita e dintorni

Grotte di Frasassi: abbigliamento, prezzi, durata della visita e dintorni

Voi dove andavate in gita scolastica da bambini? Noi marchigiani alle Grotte di Frasassi.
Forse per questo, anche se viaggiamo in tutta Italia a caccia di meraviglie da far scoprire ai nostri figli, le abbiamo dimenticate per anni, oserei dire quasi snobbate. Come accade con un luogo che conosci bene e che si trova troppo vicino a casa tua.
Grotte di Frasassi

Finalmente, grazie al lungo ponte del 1 maggio siamo riusciti ad organizzare una gita e a raccogliere l’invito ricevuto tempo fa.
Per una giornata ci siamo lasciati incantare da questo mondo sotterraneo che racchiude al suo interno uno spettacolo affascinante e surreale.  Gocce che scavano e gocce che costruiscono, colonne e cascate che sembrano uscite dalle mani di un bambino. Avete presente quando i vostri figli formano i ghirigori con la sabbia bagnata? Esattamente così. Solo che qui è la natura che lavora silenziosamente da milioni di anni.

Le stalagmiti e le stalattiti sono dette  concrezioni: le formazioni calcaree che il carbonato di calcio forma depositandosi nella forma cristallina della calcite (Wikipedia).

Nel complesso delle Grotte di Frasassi le concrezioni hanno realizzato delle vere e proprie architetture, pareti e grotte arredate da colonne di varie dimensioni che partono da terra (stalagmiti) e lunghi spicchi che pendono dal soffitto (stalattiti) a formare un vero spettacolo della natura che lascia incantanti grandi e piccini.

Grotte di Frasassi stalagmiti

Il percorso turistico delle Grotte di Frasassi

Si inizia dall’Abisso Ancona che prende il nome dalla città da cui provenivano i suoi scopritori ed è una delle più grandi in Europa e nel mondo: lunga 180 metri, larga 120 metri e alta 200 metri.
Qui si incontrano le più imponenti stalagmiti della grotta, i Giganti, poi la cascata del Niagara, il castello delle fatine e il laghetto cristallizato.
Subito dopo si passa alla Sala 200 che prende il nome dalla sua lunghezza e contiene un complesso di concrezioni dalle forme strane e di colore rossastro, per questo chiamato il castello delle streghe, ci sono anche da vedere l’obelisco e la sala Barbara.
Ora tutti pronti ad entrare nel Gran Canyon, qui si possono ammirare: una formazione di stalattiti parallele che sembra un organo e un laghetto con piccole stalagmiti ai lati che formano la sala delle candeline.
Infine la Sala dell’Orsa e la Sala Infinito dove si trovano diversi pozzi con le condotte per la risalita delle acque sulfuree.

La guida ci ha fatto notare come all’interno si perda il senso delle dimensioni, tanto che colonne che sembrano piccole sono in realtà enormi. Questo perchè nelle grotte non si riesce a valutare la distanza tanto sono grandi e lontani da noi le concrezioni.

Le affascinanti creazioni estrose sembrano opere d’arte illuminate in maniera sapiente, mentre la parte centrale del percorso è abbastanza scura e questo rende molto suggestiva la visita… un po’ più difficile fare le foto.
Un consiglio che posso darvi è di usare il cellulare se non avete una macchina fotografica con un’ottica molto luminosa e la possibilità di aprire molto il diaframma. I cellulari ora scattano foto più luminose anche se di minore qualità.
A proposito sappiate che mentre alcuni anni fa era vietato fare foto all’interno, ora è possibile in tutte le sale eccetto la prima e sarà la guida ad avvisarvi quando sarà possibile farle. Inoltre è vietato l’utilizzo del flash ovunque.

Grotte di Frasassi stalattiti e stalagmiti

caverna alle Grotte di Frasassi

Grotte di Frasassi colonna stalagmite

Grotte di Frasassi visita guidata

Grotte di Frasassi

Grotte di Frasassi stalattiti

ombre alle Grotte di Frasassi

Grotte di Frasassi stalattiti

Come arrivare alle Grotte di Frasassi

Sia da nord che da sud, l’autostrada da prendere è la A14 e poi bisogna uscire ad Ancona Nord, da lì si prende la superstrada ss76 Ancona-Roma e in mezz’ora si arriva a Genga (uscita Genga Sassoferrato). Dovete seguire le indicazioni per la biglietteria e il parcheggio, infatti non si arriva più in auto fino all’ingresso delle grotte ma bisogna prendere la navetta che parte dalla strada vicino alla biglietteria. Vengono chiamati gli orari di visita all’altoparlante.

Ma come arrivare in treno alle Grotte di Frasassi? Semplice, bisogna prendere la linea Ancona-Roma e raggiungere la stazione di Genga San Vittore Terme, da lì la biglietteria da cui parte la navetta dista circa 1 km.

Grotte di Frasassi la nostra visita con bambini

Grotte di Frasassi scorcio

Come vestirsi per visitare le Grotte di Frasassi

All’interno delle grotte la temperatura è pressoché costante tutto l’anno: intorno ai 14 gradi. L’umidità è altissima quindi l’abbigliamento ideale è una felpa, un giubbino impermeabile tipo cento grammi, pantaloni lunghi e scarpe comode (non servono scarpe da trekking bastano quelle da tennis).
La visita dura quasi due ore, sul sito c’è scritto 75 minuti ma la nostra è durata molto di più. Il percorso è facile, su una passerella di cemento recintata sui lati e in diversi punti alcune scalinate quindi non si può fare con il passeggino. Le visite sono guidate e divise in gruppi ad orari diversi, bisogna trovarsi in biglietteria 30 minuti prima dell’ingresso prenotato. Ci si incontra con i vari gruppi durante il percorso ma non c’è mai affollamento.
Le persone con disabilità possono accedere fino alla seconda sala (la sala 200).

interni delle Grotte di Frasassi

Grotte di Frasassi acqua

Quanto costa il biglietto delle Grotte di Frasassi

Il biglietto intero per gli adulti costa 18 euro mentre quello per i ragazzi dai 6 ai 14 anni costa 12 euro.
I bambini sotto i 6 anni entrano gratuitamente.

Potete acquistare i biglietti online su TicketOne e così eviterete la lunga fila alla biglietteria.
Se volete visitare anche il Museo Speleo Paleontologico ed Archeologico di Genga il biglietto costa 4 euro per gli adulti e 1 euro per i bambini dai 6 ai 14 anni.
Questo museo non si trova dove sono le Grotte ma la navetta fa una sosta al ritorno per chi volesse visitarlo, noi non siamo andati perchè i ragazzi erano già abbastanza stanchi.



Grotte di Frasassi immagini

Cosa visitare vicino alle Grotte di Frasassi

Vicino alle Grotte di Frasassi c’è il Museo speleo paleontologico e archeologico di Genga, all’interno del monastero  dell’Abbazia di San Vittore dove potrete vedere il famoso ittiosauro di Genga, un enorme fossile di rettile marino lungo 3 metri, e alcuni reperti paleontologici e archeologici ritrovati nell’area di Genga.

A San Vittore di Genga, presso il ponte romano, si trova il Parco Avventura Frasassi  sul fiume Sentino, inserito nel bel paesaggio del parco regionale naturale Gola della Rossa: cavi sospesi sul’acqua, ponti tibetani e carrucole.
Ci sono 5 percorsi avventura per grandi e bambini.
Se avete tempo potete anche raggiungere il Parco dei Dinosauri le Pietre del Drago di Matelica che si trova a  17 km dalle Grotte di Frasassi.

Stalagmiti delle Grotte di Frasassi

Dove mangiare alle Grotte di Frasassi

Ci sono tantissimi ristoranti nelle vicinanze e nel parcheggio delle Grotte vi verranno forniti ad ogni metro i depliants dai gestori quindi potete scegliere tra questi.
Se invece preferite un pranzo veloce potete optare, come abbiamo fatto noi, per la crescia. Proprio di fronte alla biglietteria ci sono diversi stand con i tavolini fuori che offrono a prezzi contenuti la tipica crescia marchigiana ripiena di salumi vari o porchetta. Cos’è la crescia? Una specie di piadina, la vedete in foto.

crescia marchigiana stand Grotte di Frasassi.

Noi alle Grotte di Frasassi

Ringraziamo la direzione delle Grotte di Frasassi per averci invitato a visitare questa meraviglia della nostra regione e vi avvisiamo che questo articolo contiene un’affiliazione con TicketOne.



About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

camera da letto casa vacanze Villa Spina

Vacanze a San Benedetto del Tronto con bambini

Io amo la mia città. Ne conosco tutti i pregi e, come ogni innamorato sono …

Commenti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *