Home / Veneto / Verona con i bambini

Verona con i bambini

Il turista qualunque, categoria alla quale tutti più o meno inconsapevolmente apparteniamo, crede di conoscere una città perché c’è stato due o tre volte in gita visitando i suoi principali monumenti.

In realtà più si viaggia e più ci si rende conto che, come sosteneva Baudelaire , “il volto di una città muta più in fretta di un cuore mortale” e Verona non fa eccezione.

 Lato di Piazza delle erbe Verona

L’Arena, la casa di Giulietta e Piazza delle Erbe sono solo alcuni dei motivi di interesse di quella che è la seconda città del Veneto per numero di abitanti. Con i suoi duemila anni di storia, Verona ha centinaia di storie da raccontare alle famiglie che hanno voglia di ascoltarle.

Per esempio, leggenda vuole che il nome della città acciambellata lungo le dolci anse dell’Adige nel punto in cui il fiume fa il suo ingresso nella Pianura Padana, derivi da una maledizione che Brenno, il capo dei Galli Senoni responsabile del Sacco di Roma del 390 a.C., lanciò verso gli odiati nemici romani. Infatti pare che disse “Vae Roma“, cioè “Maledetta Roma”, poi diventato Verona…

arena di Verona

Piazza Bra a Verona

Piazza-Bra-Verona.

Appena arrivati in città è suggeribile fare un salto al Verona Tourist Office in piazza Bra, la stessa sulla quale sorge l’Arena, uno dei più grandi anfiteatri romani in Italia. Il centro storico è quasi tutto area pedonale e così tra i tanti itinerari di visita proposti, le famiglie con bambini opteranno a cuor leggero per il Verona for Kids, una vera e propria caccia al tesoro che accompagna i più piccoli alla scoperta dei maggiori punti di interesse della città.

Sapevate che in Piazza delle Erbe, la piazza più antica della città costituita sull’area del foro romano, c’è una gigantesca costola di balena che penzola sotto l’Arco della Costa all’imbocco di Piazza dei Signori? Questa è una delle tappe del percorso esplorativo durante il quale i nostri figli, giocando, scopriranno le bellezze della città di Giulietta e Romeo.

costola della balena sotto l'arco di Piazza delle Erbe a Verona

Bar in Piazza delle Erbe Verona

Piazza-delle-Erbe-Verona

“Romeo, perché sei tu Romeo?” Il balcone più famoso della letteratura mondiale è al 23 di Via Cappello dove sorge la casa di Giulietta.

È aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.45 il lunedì dalle 13.30 alle 18.45.

Pare che William Shakespeare, il grande scrittore inglese fece di Verona lo sfondo della celebre storia d’amore pur non essendoci mai stato. Occhio, la statua di bronzo raffigurante la sfortunata Giulietta, un must della foto ricordo o meglio dei selfie, fu posta qui solo negli anni ’60.

statua di Giulietta a Verona

Casa di Giulietta bigliettini

Casa-di-Giulietta-Verona-lucchetti

A Natale la domanda è sempre la stessa: Panettone o Pandoro? Tutti sanno che il Pandoro è il tipico dolce veronese. Infatti la ricetta moderna si deve all’arte pasticcera di Domenico Melegatti, il quale intorno al 1870 ebbe l’idea di rigonfiare il nadalin, antenato più famoso del nostro dolce scaligero per eccellenza. Melegatti nel 1894 arrivò a brevettare la sua creazione e così il suo laboratorio in corso Porta Borsari 21 diventò a tutti gli effetti la fabbrica del pandoro con tanto di monumento. Effettivamente sarebbe meglio dire monumenti, ma non vogliamo svelarvi altro…

Tra le 10 tappe del percorso cittadino lungo poco meno di 3 chilometri, troviamo tra l’altro l’Arco del Gavi e il Calstelvecchio, l’imponente castello medievale che ospita al suo interno il museo civico.

Lo sapevate che la città di Verona dal 2000 è Patrimonio mondiale dell’UNESCO? Andando a scartabellare scopri che il centro storico ha conseguito l’ambito riconoscimento proprio per la sua struttura urbana e per la sua architettura che fa di “Verona uno splendido esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti”.

 noi-all-arena-di-Verona

Tra l’altro, tanta bellezza è alla portata di tutte le tasche, infatti in tutti i musei civici (museo di Castelvecchio, museo di Storia Naturale, ecc.), oltre che la visita ai monumenti più famosi (anfiteatro Arena, casa di Giulietta, Castelvecchio, ecc.)  i bambini fino a 7 anni entrano gratis (come gli anziani over 65 residenti nel Comune di Verona, le persone con disabilità e i loro accompagnatori), mentre i ragazzi dagli 8 ai 14 anni (solo accompagnati) entrano al costo di 1,00 €. Inoltre la gran parte delle chiese cittadine (chiesa dei Santi Nazaro e Celso, chiesa di San Bernardino, chiesa di San Giovanni in Valle, ecc.) è ad entrata libera mentre il complesso della Cattedrale – Duomo, la Basilica di San Zeno, la Basilica di Santa Anastasia e la Chiesa di San Fermo prevedono l’ingresso gratuito per i ragazzi fino da 0 a 11 anni ed un biglietto ridotto da 2 € per gli altri.

Tutte le info sui biglietti e gli orari di apertura dei siti turistici li trovate sul sito ufficiale della città di Verona. 

A tutti quelli che hanno in mente una visita più strutturata, suggeriamo l’acquisto della VeronaCard. In pratica è un biglietto cumulativo per l’ingresso gratuito o con riduzione nei principali musei, monumenti e chiese con inoltre la possibilità di viaggiare liberamente sui mezzi pubblici di tutte le linee urbane.

La VeronaCard è disponibile presso il Verona Tourist Office, i musei, i monumenti e le chiese del circuito, oltre che in alcune strutture recettive cittadine e tabaccherie selezionate, è proposta in due versioni: con una validità di 24 ore al costo di 18 euro a persona e con una validità di 48 ore al costo di 22 euro.

arena di Verona di notte

Dove dormire a Verona

Noi abbiamo dormito nel centralissimo hotel Milano & Spa  , un hotel situato a soli 50 metri dall’Arena di Verona, hanno sia camere che appartamenti in un altro stabile.
La Spa non l’abbiamo provata perchè avevamo programmato un’intera giornata alle terme Aquardens, ma l’hotel è comodissimo per raggiungere il centro storico ma anche la zona dei negozi che merita senz’altro una visita.

scorcio-Arena-di-Verona

Centro di Verona

 Via-Mazzini-a-Verona

Dove mangiare a Verona

Per la cena, se vi volete fare un regalo, potete andare dove siamo stati noi al Ristorante Enoteca Cangrande e magari vi porteranno il dessert a forma di cuore, d’altra parte siete nella città dell’amore!

dessert a forma di cuore a Verona

Cosa fare nei dintorni di Verona

Vi segnaliamo due tappe imperdibili se andate a Verona con i bambini:

Ma ci sono tante altre cose che si possono vedere nei dintorni, come Sirmione, Mantova, il Parco Sigurtà, Borghetto, oltre a fare la ciclabile che va da Peschiera a Mantova  noleggiando le bici a Peschiera.
La città dell’amore è quindi un punto di partenza oltre che di arrivo!

Verona a Natale

Dal 16 novembre al 26 dicembre 2018 la città si veste a festa per l’undicesima edizione dei Mercatini di Natale in collaborazione con Christkindlmarkt di Norimberga. Ci saranno ben 80 espositori nelle caratteristiche casette di legno con prodotti artigianali e gustose specialità gastronomiche. Le zone da visitare sono: Piazza dei Signori, Cortile Mercato Vecchio, Via della Costa, Piazza Indipendenza, Piazza Viviani, Lungadige San Giorgio, Ponte Pietra, Ponte di Castelvecchio e Piazza San Zeno.

Orari:
Da domenica a giovedì ore 10.00-21.30
venerdì, sabato e giorni prefestivi ore 10.00-23.00
24 dicembre ore 10.00-17.00
25 dicembre ore 16.00-21.30
26 dicembre ore 10.00-18.00

 

About Luisa Roncarolo

E’ più facile dire quello che non sono, piuttosto che quello che sono diventata. Non sono single, non sono trendy e non sarò mai una fashion blogger. Non fotografo tutto quello che mangio e non ho il fisico per i viaggi estremi. Non amo le automobili, preferisco i treni e quando posso vado in bicicletta. La mia famiglia viaggia sempre con me e questo voglio raccontare.

Check Also

Un villaggio vacanze per famiglie

Durante le feste di Pasqua si può approfittare del tempo a disposizione per organizzare le …

Commenti

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *